Giorno 12 : Bruges > Rotterdam

Giorno 12 : Bruges > Rotterdam

18-02-2018By upendo.vibesNo Comments
Un altro risveglio con il sole, siamo fortunati. Dopo aver riordinato il van (ed è incredibile come si possa stravolgere in una sola serata) abbiamo collaudato le meravigliose docce di questo campeggio super smart e siamo ripartiti. Prima tappa : negozio di outdoor prorpio dietro al campeggio. Siamo andati completamente in estasi e avremmo voluto comprare tutto, ovviamente ci siamo trattenuti e limitati alla carta igienica per il wc chimico, un burro cacao, e un quaderno di appunti per le nostre avventure.
Ci siamo diretti verso il mare, a Blankenberge, che ci ha immediatamente ricordato un po’ l’Adriatico, San Benedetto del Tronto e i nostri amici di Krup Studio. Siamo entrati in un bar per mangiare ed è lì che abbiamo capito che forse stavamo iniziando ad avere una vita alimentare un po’ sregolata. Era mezzogiorno ma non avevamo ancora mangiato niente dal nostro risveglio, quindi che fare? Colazione o pranzo? Dolce o salato? Abbiamo optato per uno e uno: Jamie ha ordinato un delizioso waffle con cioccolato fuso e un cappuccino (provate assolutamente la cioccolata belga, è incredibile!) e io una baguette con prosciutto e formaggio, accompagnata da una birra. Trovo fastidioso che il cameriere abbia dato per scontato che il cappuccino fosse mio e la birra di Jamie, succede sempre così quando io ne ordino una grande e lui una piccola. Maschilisti. Mpf.
Dopo la colazione/pranzo (la colanzo? O la pranzione?) siamo andati a fare un giro in spiaggia. Lunghe spiagge di sabbia fina, cosparse qua e là di conchiglie irresistibili. Infatti Jamie è stato costretto a rallentare in continuazione per aspettarmi, mentre lungo il cammino mi chinavo a raccoglierne. Mi riporta bambina raccogliere conchiglie, ma soprattutto mi da un senso di pace e mi rilassa, potrei starci ore.
In fondo alla spiaggia c’era ad aspettarci un lungo pontile, maestoso e molto importante per questa cittadina, di quelli che vedi spesso nei film, così alti da poter organizzare feste sotto ai pilastri che lo sorreggono. Abbiamo scattato qualche foto e poi siamo tornati da djambo perché volevamo guidare ancora un po’ e proseguire il nostro viaggio aggiungendo qualche km. Dopo aver constatato di aver preso una multa per non esserci ricordati che il pagamento del parcheggio scadeva, abbiamo messo in moto e ci siamo diretti verso Rotterdam.
Lungo la strada abbiamo avuto la fortuna di imbatterci nelle imponenti pale eoliche appena siamo entrati in Olanda, dopo non molti km. Siamo riusciti ad andare insieme a Djambo su un lungo molo contornato da questi immense pale, il quadro perfetto per il nostro ingresso in Olanda. Lì ci siamo sbizzarriti con una lunga serie di foto e ci siamo divertiti ad ammirare il nostro van in una cornice così romantica, nell’ora più bella del tramonto.
Abbiamo trovato un campeggio poco distante dalla città (Rotterdam city camping), ci siamo “accasati” e siamo subito ripartiti, infreddoliti, verso il centro. Non siamo rimasti molto coinvolti, ci ha esaltato poco, ma forse non eravamo nelle condizioni meteorologiche adatte e il freddo si faceva sentire, aggressivo. Abbiamo trovato Rotterdam troppo moderna (per lo meno la parte che abbiamo visto), ma per lo più non riuscivamo a muovere un passo senza sentirci congelare ogni parte del corpo : purtroppo non eravamo partiti “armati” di vestiti pesanti per quella gita in bicicletta, e i nostri jeans sono stati maledetti parecchie volte. Vestitevi se andate a Rotterdam a febbraio.
Ci siamo rinchiusi in un bar non proprio tipico e abbiamo finito per mangiare messicano, per fortuna accompagnato da ottima birra del posto, veramente eccezionale. Siamo anche riusciti a lavorare al computer, a ricaricare i telefoni, a vedere l’irruzione della polizia in uno dei bagni senza capire cosa fosse successo (e tuttora non sappiamo perché l’abbiano fatto), e verso mezzanotte siamo tornati in campeggio stanchi, ma scaldati dalla birra e dalla gara in bicicletta a chi arrivava primo. Ovviamente ha vinto Jamie.
Buona notte Rotterdam.


Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published. Required fields are marked *