Giorno 6 : Lione > Saint Etienne

Giorno 6 : Lione > Saint Etienne

12-02-2018By upendo.vibesNo Comments

Buongiorno dalle campagne di Lione, colazione con latte e pan di stelle, combo perfetta. Ci siamo avventurati verso la città, alla ricerca di nuovi scatti e abbiamo visitato la Basilica di Notre Dame de Fourvière, situata su una collina che domina la città. Molto affascinante, ma quasi non riuscivamo a stare in piedi per la forza con la quale il vento ci spingeva e ci intimava di andare giù in città, al riparo dalla sua insistenza. Abbiamo visitato la Vieux Lyon, la Lione vecchia. Si dice che sia uno dei più grandi centri storici rinascimentali d’Europa, ed è noto anche per le sue caratteristiche strette stradine acciottolate. Merita. Abbiamo poi scoperto che è stata dichiarata patrimonio mondiale dell’umanità dall’UNESCO. Ricordatevi di visitare i TRABOULES, percorsi pedonali che permettono di passare da una via all’altra della città passando attraverso corti interne e private di edifici. Talvolta scorciatoie e alternative alle vie principali in caso di pioggia ☔. Mi raccomando, chiedete sempre prima di passare o di avventurarvi, dato che spesso si tratta come dicevo di passaggi privati. All’ora di pranzo avevamo molta scelta, il centro storico pullula di ristorantini, ma per il nostro gusto personale tutti un po’ troppo “acchiappa-turisti”, così abbiamo deciso per cercate qualcosa di meno pretenzioso e più “reale”. Siamo finiti un una boulangerie 🥖 dove abbiamo mangiato due ottime baguette.

Siamo ripartiti e dopo qualche km ci siamo dovuti fermare perchè la pioggia e un prato ci stavano offrendo un quadro imperdibile, ci hanno regalato dei contrasti di colori indescrivibili : il verde dell’erba bagnata, il grigio del cielo e naturalmente il nostro coloratissimo van.

Per strada ci siamo fermati altre svariate volte, per un caffè, per dei croissant appena sfornati in una pâtisserie, per fare la spesa, per comprare una stufetta elettrica decente che ci riparasse dal freddo. Andavamo così, a sensazioni. Quando ci andava di fermarci, ci fermavamo. Così facendo era ormai quasi totalmente buio e siamo finiti a Saint-Étienne-du-Bois nel camping Sevron, à solo un’ottantina di km da Lione. Le foto ci hanno fatto rallentare tantissimo, ma è tutto così bello!
Ora dormo, fuori da freddissimo ma la nuova stufa ha reso Djambo una casa super riscaldata e questo calduccio mi sta facendo lentamente sprofondare in un sonno profondo.. Notte



Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published. Required fields are marked *