Giorno 5 : Sestriere > Lione

Giorno 5 : Sestriere > Lione

11-02-2018By upendo.vibesNo Comments

Che meraviglia svegliarsi in un manto di neve, con gli abeti intorno che profumano di inverno e di cose buone, con quell’aria tipica delle giornate di sole in montagna, quando è freddo ma non lo senti, e godi solo dell’aria buona che ti circonda. Si sa, l’aria di montagna mette un certo appetito (o forse solo dopo aver camminato o sciato 🤔), così ci siamo lasciati guidare dal profumo di brioches che arrivava dal bar dove lavora la Vale e ci siamo concessi una colazione da nababbi, con tanto di centrifugato di frutta (spaziale!). Poi, dopo un paio di polaroid-ricordo siamo ripartiti alla volta del Montgenèvre, direzione Lione.

Svalicando l’Italia da Sestriere ci siamo avventurati verso la Francia, direzione Lione. Il viaggio è stato lungo, intervallato da altrettanto lunghe pause “fotografiche”, necessarie.
Abbiamo scelto di passare da Col de Montgenèvre, un passo alpino tra Italia e Francia , situato nelle Alpi Cozie, che collega la Val di Susa con la Valle della Durance.

Scelta azzeccata, il colle del Monginevro ti toglie il fiato, e il periodo era uno dei migliori: neve a perdita d’occhio e paesaggi mozzafiato. Ci siamo persi in panorami da cartolina senza riuscire a smettere di fotografare l’imponenza di questi monti, inebetiti come due bambini. Le montagne hanno questo potere su di noi come su chiunque altro, credo, ma venendo dal mare e non essendo abituati non restano parole per commentare visioni di questo genere. E quindi è finita così : in silenzio ad ammirarle. Un silenzio interrotto solamente dal click delle nostre reflex. Goethe diceva che “i monti sono maestri muti e fanno discepoli silenziosi”, io questa frase ce l’avevo scritta in cameretta, da bambina, e non mi stancherei mai di leggerla e di ripeterla, è la verità.

Dopo varie montagne, molti tornanti e decine di fotografie siamo arrivati a Lione ormai a sera tardi, e abbiamo deciso di fermarci a dormire in un campeggio.
Ne abbiamo trovato uno in campagna a 15 km da Lione, e abbiamo deciso di fermarci lì per la notte, ormai era troppo tardi e troppo buio per proseguire il viaggio, ed eravamo stanchi. Temevamo fosse chiuso perché non c’era nessuno alla reception ed era tutto buio, ma fortunatamente due ragazzi che gironzolavano in Lavanderia ci hanno visti e sono andati a chiamare la proprietaria, che ci ha fatti sistemare e se n’è andata. Ora siamo qui nel van, il campeggio non è niente di speciale ma ha tutto ciò che ci serve: i bagni per farci una doccia e l’elettricità per ricaricare la quantità infinita di attrezzatura che abbiamo. È pronto da mangiare, vado. Ho fame e sono stanca, 6 ore di viaggio, 300 km, qualche centinaio di fotografie, e domani si riparte. Notte. ❤



Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published. Required fields are marked *